In questo avvicendarsi d’incompiutezze

gennaio 6, 2014 § 7 commenti

Qualcuno piangeva ma non era commosso, qualcuno tradiva a voce piena me o una certa emozione, qualcuno spezzava le sillabe smorzando parole e scongiuri, eravamo tutti riuniti intorno al nostro enorme nulla lisciandone i bordi e riversandoci dentro seimilaottocento banalità così da averne indietro una distinta eco di nulla per seimilaottocento volte tutti soddisfatti di esserci salvaguardati ancora da ogni parola o riflessione che avrebbe potuto lederci il rassicurante costrutto esistenziale a fatica messo insieme mattoni su mattoni di evanescenze. Quand’è che scappava forte dallo stomaco quel riflusso impetuoso delle piccolezze ci portavamo mani alla bocca in tentativi poco eleganti di contenimento, sgocciolavamo all’incrocio delle labbra senza ritegno, tutti fuggiti in bagno con movenze di malriuscita eleganza. Mai impareremo ad esser dita sul piano di Rachmaninov, leggerezze preziose ad ogni passo una cura ad ogni direzione, così sarebbe stato bello riuscire a guardarsi tutte le parole a quel modo e poi non essere ancora nulla di nuovo, ma io non reggevo niente a lungo figurati l’attenzione e tu vestivi di blu come l’oceano, come ogni tendine della vita ci saremmo sfilacciati sino a scollarci dalle ossa e poi persi.
Annunci

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per gennaio, 2014 su deanmorrisonn.